Pubblicata la nuova norma ISO 45001 

Occupational Health and Safety Management Systems – Requirements with guidance for use” è questo il titolo della prima norma ISO certificabile sui Sistemi di Gestione per la salute e sicurezza sul lavoro. Dopo anni di lavoro la nuova  norma ISO 45001 :2018 sostituirà la BS OHSAS 18001 come riferimento per i Sistemi di Gestione della Sicurezza (Sgs) certificati. Entro i prossimi tre anni le aziende che hanno già implementato un Sistema di Gestione della Sicurezza secondo i requisiti della OHSAS 18001 dovranno adeguarsi alle nuove indicazioni previste dalla ISO 45001:2018.

Il nuovo standard, oltre a contribuire all’efficientamento dei SGSL, si renderà ancor più sovrapponibile, rispetto alla OHSAS 18001, con i sistemi di gestione della qualità ISO 9001 e ambientale ISO 14001. Un’altra novità risiede nel fatto che l’organizzazione dovrà identificare e descrivere chiaramente le opportunità di miglioramento della salute e della sicurezza sul lavoro in un processo a sé stante.
Partendo dalla nuova struttura delle ISO per lo sviluppo degli standard internazionali per sistemi di gestione, un maggior risalto è assegnato al contesto dell’organizzazione (sia interno sia esterno). Questo serve ad identificare e comprendere i fattori che possono, anche solo potenzialmente, influenzare i processi aziendali.  Tale approccio definito “Risk Based Thinking” è un “nuovo” modo di valutare la gestione aziendale degli aspetti potenzialmente critici, che non si concentra solo sui rischi tradizionali come quelli già identificati per la salute e sicurezza sul lavoro, ma chiede di valutare anche tutti i rischi che potrebbero derivare dal modo di funzionare dell’azienda, e dalle relazioni che questa intrattiene con soggetti esterni. Altro cambiamento significativo riguarda la forte enfasi sulla Leadership e l’impegno di gestione. Vengono messi, quindi, in posizione di assoluto rilievo il coinvolgimento dei vertici aziendali (leadership) e la partecipazione dei lavoratori (worker partecipation). Infatti, implementare un sistema di gestione della sicurezza in un ambiente in cui la dirigenza, per prima, non crede nella validità del sistema, difficilmente condurrà a risultati positivi; parimenti, anche i lavoratori devono essere coinvolti, poiché senza la loro collaborazione la dirigenza, per quanto motivata, difficilmente riuscirà a migliorare i livelli di sicurezza e di efficienza dell’organizzazione.

La norma è stata tradotta in italiano dall’UNI e adottata come UNI ISO 45001:2018 –  “Sistemi di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro – Requisiti e guida per l’uso“. Nella versione italiana  sono state inserite, all’interno dell’appendice nazionale informativa, alcune note di chiarimento riguardanti la corretta collocazione della norma rispetto al quadro legislativo vigente.

A supporto della transazione dalla OHSAS 18001 alla ISO 45001 lo IAF (International Accreditation Forum) ha emesso il documento IAF MD 21:2018, contenente le indicazioni per la migrazione alla ISO 45001:2018 dalla OHSAS 18001:2007